La nutrizione artificiale

Promuoviamo la cultura della nutrizione artificiale

Nutrizione Artificiale

Cos'è la nutrizione artificiale

La nutrizione artificiale (NA) è un insieme di metodi che permettono il sostentamento in pazienti che non sono in grado, momentaneamente o permanentemente, di assumere alimenti per via orale per vari motivi, o che non assumono un adeguato apporto nutritivo.

L’insieme delle metodiche messe in atto è considerato un trattamento medico sostitutivo che prevede il consenso informato del paziente o di una persona da esso delegata.

Quando la nutrizione artificiale è fondamentale

La Nutrizione Artificiale assume un ruolo fondamentale in molte situazioni, per esempio:

Le tecniche di nutrizione artificiale

La nutrizione artificiale può essere realizzata con due tecniche a seconda della patologia del paziente:

  • Via ENTERALE, quando la somministrazione dei nutrienti avviene nello stomaco o nell’intestino; viene utilizzata quando è presente una normale funzione del tratto gastro-intestinale.
  • Via PARENTALE, quando vi è infusione per via endovenosa di nutrienti già scissi chimicamente e che non necessitano di un assorbimento intestinale. Tale soluzione viene scelta per i pazienti nei quali la funzionalità e l’assorbimento intestinale risultino deficitari.

L’insufficienza intestinale richiede una nutrizione parenterale spesso a lungo termine o cronica. In questi casi la nutrizione parenterale può essere paragonata a un intestino artificiale, analogamente a quanto avviene per la dialisi in caso di insufficienza renale.

Tale modalità alimentare richiede l’uso di cateteri che vanno posizionati chirurgicamente in una vena centrale di grosso calibro e che quotidianamente vanno aperti per l’avvio dell’infusione. Tali programmi di nutrizione artificiale richiedono un grosso impegno da parte del paziente e delle famiglie coinvolte.

nutrizione-artificiale

Promuovere la cultura della nutrizione artificiale

Ottenere una buona qualità di vita per una famiglia con una persona nutrita artificialmente soprattutto se a domicilio rappresenta una sfida non semplice.

Le cure quotidiane, principalmente nel caso della nutrizione parenterale domiciliare (NPD), richiedono tempo e attenzione da parte di chi se ne occupa, poiché trattasi di manovre quotidiane che richiedono precisione e accuratezza.

Spesso le persone in NA sono totalmente dipendenti per la gestione della nutrizione e non autosufficienti. Pertanto, si ritiene che le persone nutrite artificialmente e le famiglie in cui viene gestito un paziente in nutrizione artificiale debbano poter godere di una tutela sociale.

In tale scenario, uno dei principali scopi di ANNA è promuovere la cultura della nutrizione artificiale tra gli operatori sanitari, tra i pazienti e presso l’opinione pubblica al fine di garantire in primo luogo una migliore accettazione e integrazione e in secondo luogo una maggiore serenità del paziente e della sua famiglia.

logo-associazione-anna

Iscriviti alla nostra newsletter